giovedì 18 ottobre 2012

Chi tutela i piccoli/medi trader?

Come ben saprete purtroppo da gennaio 2013 una nuova tassa si abbatterà sul trading on line ossia la famigerata tobin tax che io ho definito una cavolata per svariati motivi che non sto qui a ripetere.
Tutto fa pensare che chi l'abbia elaborata non sia un genio e non capisca decisamente nulla di transazioni finanziarie.
L'imposta non è alta,è un imposta che fa partire che fa trading su tutti i mercati in predita piuttosto vistosa e importante! Ovviamente dipenderà dallo strumento che si andrà a contrattare ma è evidente che non è sostenibile per un comune trader partire perdendo quello che per molti piccoli trader è il guadagno di una giornata passata sui mercati.
Vogliono uccidere chi specula con etica e criterio e chi non ha creato alcun danno a nessuno,a chi la crisi l'ha subita e non creata,a chi invece che lagnarsi in tv e andare a spaccare vetrine in giro è stato licenziato e ha riposto nel trading una sua professione importante e seria al riparo della crisi!
Non sto qui a ripetere ciò che vedete scritto su mille forum o siti sui ricavi che lo stato avrà saranno notevolmente minori rispetto alle aspettative,oltre a perdere molte entrate sul 20% di tasse sui profitti che di fatto verranno meno,oltre a molti altri svantaggi.
La tassa o meglio una tassazione sulle transazioni finanziarie a mio modo di vedere è giusta ma se fatta nel modo giusto,una persona che opera sui mercati finanziari già all'entrata a mercato parte in difetto a seconda della quantità in opzione di acquisto o vendita di più o meno euro che posson essere pochi o superare anche i 50 euro,a questo aggiungeteci anche il 20% dei profitti che verranno detratti e vi assicuro che lo scalper spesso ha poco più della metà dell'effettivo guadagno da un trade e vi potrei mostrar i mie per capirlo!
La gente comune questo non lo sa ad esempio crede che non paghiamo neppure un centesimo di tasse e crede che la tobin tax sia una minuscola tassa che neppure si percepisce (basti vedere la gente tobin tax che non sa minimamente cosa va ad appoggiare).
Io avrei fatto una cosa diversa ossia applicare la detrazione dell'1% dai profitti dei trader o delle società che hanno conti trading,sarebbe stato quasi irrelevante per il trader,fruttuosa e non poco per lo stato e applicabile a livello mondiale,oltre a questo non vedrebbe in alcun modo la fuga di capitali o la diminuzione di transazioni.
Ma se neppure passando per tutti gli strumenti dal 12,5 al 20% sono riusciti a far nulla perchè ci vengono a raccontare le favolette? Hanno alzatto la tassazione del 7,5% ,avete capito bene del 7,5% e non sono riusciti a cavarne un ragno dal buco e cosa ci raccontano? Che adesso ci vuole a tutti i costi la tobin tax per risanare l'economia mondiale... Vabè,lascio a voi ogni commento.
Detto questo ma non c'è nessun ente che possa tutelare i trader italiani seri e onesti? Nessuno in italia che vuole e può difenderci?
Che cerchino di svgliarsi perchè andando avanti di questo passo avremmo moltissima gente senza un lavoro e non mi riferisco solo ai piccoli,medi trader ma a quelle migliaia di persone che lavorano in società ed enti predisposti per il trading!
Insomma se c'è qualcuno venga allo scoperto e ci difenda da quello che potrebbe essere il nostro assassino

The Trading On line - Informazione

Nessun commento:

Posta un commento